DONNE IN RINASCITA

sun

Sei ancora una volta sopraffatta dal senso di colpa perché avresti dovuto e voluto essere “diversa” da come sei? Avresti desiderato essere all’altezza delle aspettative di tutti e non ci sei riuscita? Non ti senti capita e ascoltata da nessuno, neanche da te stessa? Ti chiedi sempre più spesso: “Perché non faccio quello che vorrei? Vorrei essere perfetta, ma non lo sono e mi sento in colpa per questo? Perché sto così male?”

Succede spesso alle donne di sentirsi parte del gruppo B (bella, buona, brava), il che non significa essere di serie B anche se, inevitabilmente, si ha la sensazione di farne parte. Allora si è assalite da un senso di vuoto che il più delle volte parte dallo stomaco e sale, come contemporaneamente sale la rabbia che fa arrivare alle lacrime. C’è chi mangia di più e chi digiuna.. Tutta questione di nervi!
La domanda che sorge allora è questa: chi ti ha detto che si deve essere perfetti per forza? Perché devi aderire a quell’immagine che hai dentro di te? Esiste un limite a questo desiderio e chi, nella nostra famiglia di origine, lo ha instillato?

Sicuramente non te lo sei inventate tu. ti ricordi?

“Devi essere brava. Una bella bambina come te, deve essere buona. Tutte le buone bambine sono brave e belle.” E via così..
Non è certo colpa di nessuno! Anche le nonne e le mamme sono donne e anche loro, a loro volta, ci hanno dovuto fare i conti. Come tu adesso.
L’idea di essere perfette a tutti i costi, ovvero in ordine rispetto all’immagine che la società chiede alle donne può diventare un problema. Perché? Perché è una gabbia dorata, luminosa ed affascinante (così sono più vista e amata..) che può avere dei vantaggi però blocca la crescita e fa star male. E dalla quale è difficile scappare.
E’ ‘colpa’ tua se non sei abbastanza buona, bella e brava?

Sai qual è la verità? E’ che è difficile immaginare una donna che non pensa alle tre B. Perché? Perché le donne senza questi tre parametri si sentono perse, come se mancasse loro un termine di paragone a cui sono abituate. Anche se oggi sta nascendo pian pianino una nuova idea che non è femminista tout court. Inizia ad andar di moda essere se stessi. Sembra quasi una rivoluzione. e in parte lo è.

E tu cosa aspetti? Chi sei? Come puoi io esprimermi nella società al meglio? Come puoi farti rispettare dagli altri senza essere condizionata troppo dal giudizio altrui? Come smettere di continuare a paragonarti all’immagine delle altre e a provare invia e senso di scarsa autostima?

Come uscire dal labirinto?

Come essere voi stesse rispettando a modo vostro le tre B senza essere e sentirvi bloccate? E soprattutto senza reagire in maniera esagerata dimostrando di essere distaccate, insensibili ed egoiste, cosa che non siete?

Dr. Elena Grimaldo